Venezia e il delicato rapporto tra uomo e ambiente – The Fifth Siren (2) Veniceland

V
Venezia e il delicato rapporto tra uomo e ambiente – The Fifth Siren (2) Veniceland
Festa del Redentore

REDAZIONE

Gli autori di questa serie di cinque articoli, trasposizione scritta di altrettanti episodi che costituiscono il podcast “The Fifth Siren” si sono conosciuti nel 2017 quando hanno ideato e realizzato il Festival della letteratura italiana a Londra. L’evento ha riscosso un enorme successo ed è stato ripetuto nei due anni successivi.

Durante il lockdown del 2020 Marco Magini, Paolo Nelli, Giorgia Tolfo e Maddalena Vatti hanno deciso di sperimentare insieme una nuova forma di narrazione, partendo dall’interesse comune per la crisi ambientale, le transizioni ed i cambiamenti che investono le città e le culture. Hanno quindi pensato di raccontare a loro modo Venezia, convinti che rappresentasse la miglior testimonianza della capacità dell’uomo di costruire meraviglie, ma anche di alterare in modo irrimediabile i fragili e preziosi equilibri che reggono gli ambienti da lui abitati.

Partendo dalla distruttiva inondazione che il 13 novembre 2019 investì il capoluogo veneto, hanno tentato di approfondire gli elementi ambientali, tecnologici, culturali, sociali che minacciano la sopravvivenza dell’iconica città di Venezia. Facendo ricorso alle loro capacità creative ed espressive hanno indagato il suo passato, il presente ed il futuro e si sono domandati, insieme a scienziati, studiosi, scrittori e cittadini attivi nella salvaguardia della città, cosa ci aspetta oltre il suono della quarta sirena, che rappresenta il più alto livello di allerta alluvione in uso a Venezia, ma che tre anni fa non l’ha certo messo al riparo dalla devastazione. Serve dunque una quinta sirena che avverta dei pericoli e che permetta di trovare nuove strategie per salvaguardare un patrimonio che è di tutto il mondo.

La quinta sirena è disponibile su Spotify, Apple Podcast e su thefifthsiren.com

La Festa del Redentore è uno degli eventi più significativi e amati che si tengono a Venezia. Cade la terza domenica di luglio e, la sera prima, migliaia di veneziani e turisti cenano a bordo delle loro barche in attesa dello scoppio dei fuochi d’artificio. Nel XVIII secolo le orchestre da camera intrattenevano sia la gente del posto che i visitatori mentre aspettavano. Lo facevano da ponti di barche e speciali chiatte galleggianti allestite per l’occasione.

Festa del Redentore – Canaletto

Nell’estate del 1989 è stato organizzato un concerto in laguna nell’ambito delle celebrazioni annuali della Festa del Redentore. Gli organizzatori si sono ispirati a queste orchestre galleggianti settecentesche, ma le hanno riportate su una scala molto più grandiosa: c’era un vero e proprio palco galleggiante ancorato al fondale proprio di fronte a Piazza San Marco, sormontato da 300 tonnellate di strumenti musicali, luci e attrezzature tecniche. La più grande band del mondo all’epoca, i Pink Floyd, si esibì in quello che sarebbe stato ricordato come “uno dei concerti più iconici della storia” e”il concerto delle controversie”. La sera del 15 luglio 1989 100 milioni di telespettatori in tutto il mondo hanno assistito alla trasmissione televisiva, mentre oltre 200.000 giovani fan si sono riversati per le strade della città, riempiendo piazza San Marco. Fu il concerto più seguito che l’Italia avesse mai visto.

Concerto Dei Pink Floyd 1989

Il concerto dei Pink Floyd a Venezia del luglio 1989 è passato alla storia come un evento con implicazioni politiche, sociali e ambientali che vanno ben al di là di qualsiasi concerto ordinario. Nelle settimane precedenti lo spettacolo, il partito comunista italiano ha cercato di farlo cancellare. Lo vedevano come un assalto a Venezia, qualcosa di simile a un’invasione barbarica dello spazio urbano. Alcuni sostenevano che i mosaici della Basilica di San Marco sarebbero stati danneggiati dal suono diffuso dagli amplificatori. Alcuni arrivarono addirittura ad affermare che la piazza poteva benissimo sprofondare sotto il peso del pubblico. Organizzare un evento di tali proporzioni nel cuore fragile di una delle città più belle del mondo era un rischio enorme. Nessuno voleva assumersi la responsabilità di consentirgli di andare avanti, infatti, il via libera finale è stato dato solo poche ore prima dell’inizio della trasmissione in diretta. La mattina dopo il concerto, Venezia si è svegliata inghiottita dalla spazzatura: 500 metri cubi di lattine vuote, bottiglie, sacchetti di plastica e avanzi di cibo. Non era stato istituito un vero e proprio servizio di raccolta dei rifiuti. Né furono installati bagni mobili, poiché si riteneva che “stonassero esteticamente con i monumenti”, nel senso che i frequentatori di concerti dovevano sfogarsi su monumenti ed edifici. Come sottolinea Tommaso Gastaldi, autore di Lo spettacolo del secolo out: “Fortunatamente, la massa disordinata della gente si è mostrata molto più civile di coloro che avrebbero dovuto organizzare, gestire e garantire la sicurezza sia degli spettatori che della città stessa, prima e dopo lo spettacolo. Non si sono verificati incidenti di rilievo nonostante il pericolo reale che accadesse qualcosa di terribile”. Solo poche sculture hanno subito lievi danni.

Concerto dei Pink Floyd 1989 il giorno dopo

All’evento seguì un acceso dibattito, culminato in una crisi politica che portò alla caduta del governo locale. A distanza di più di trent’anni, il concerto dei Pink Floyd è ancora fresco nella memoria collettiva. Il concerto ha messo in netto rilievo una battaglia ideologica sulla natura stessa di Venezia e sul suo scopo. Venezia ha affrontato questo problema nel corso della sua storia moderna, come spiega Karl Appuhn, professore associato di storia e italiano alla NYU: “C’è un episodio molto famoso nel XVI secolo, in cui un certo “Padron”, scrittore, architetto un po’ poliedrico, di nome Cornaro, Alvise Cornaro, elaborò un piano per rifare l’intera Laguna, e la città. E cercò di realizzarlo. Desiderava davvero rendere terrestre la città, ma voleva costruire un’isola enorme in mezzo al bacino proprio di fronte a San Marco con un teatro e una fontana e una collina. E così lui, in quel momento, stava reimmaginando quale fosse lo scopo della città. […] Il commercio veneziano era in declino e Cornaro stava reinventando la città come qualcos’altro. Una sorta di versione simile a ciò che è oggi: una sorta di spettacolo appetibile per la gente. […] All’epoca, non è andato da nessuna parte con questa proposta, ma in qualche modo fu abbastanza lungimirante perché in un certo senso immaginò Venezia non più come un porto, come un luogo di commercio, ma come un luogo di turismo. Turismo non sarebbe stato un termine che avrebbero capito nel XVI secolo, ma lo pensò come un sito di spettacolo per le persone che lo visitavano.”

A quel tempo, il numero di spettatori – 200.000 – era incredibilmente alto. Tuttavia, oggi questo è il numero di turisti che visitano Venezia ogni singolo fine settimana.

Possiamo concepire Venezia oggi senza vederla come un palcoscenico perpetuo, il cui scopo principale è quello di riempire di gioia i suoi visitatori?

Venezia è una città di contrasti, in cui evoluzione e tradizione, movimento e quiete sono in costante tensione. Eppure sembra che solo alcuni di questi diversi lati di Venezia siano stati catturati nelle fotografie dei turisti. Perché Venezia ama dare spettacolo ai suoi visitatori.

Turisti a Venezia

È una città costretta a recitare un’immagine di sé stessa più e più volte, il che è rassicurante perché è sempre esattamente la stessa. La struttura e l’architettura della città lo attestano. Ad esempio, i ricchi palazzi che fiancheggiano il canale assomigliano a un sipario di una casa, tirato indietro per rivelare il palcoscenico in cui si svolge lo spettacolo. E nonostante il pedaggio che il turismo paga alla città, scalzandone lentamente l’anima, Venezia continua a mettere in mostra la sua bellezza. Come ha detto il ricercatore e attivista Giacomo Salerno, “Venezia è come un cadavere che indossa il rossetto“.

Il Carnevale è un vivido esempio di questa contraddizione. Questa festa risale al IX secolo. Storicamente, è stata un’opportunità per sovvertire rigide norme sociali. Per alcune settimane all’anno, i poveri potevano fingere di essere ricchi, le donne potevano essere uomini, i sani di mente potevano agire come matti, il tutto semplicemente indossando un costume che li rendeva irriconoscibili.

Nel suo periodo di massimo splendore, il Carnevale era un momento per essere giocosi, trasgredire le regole e sovvertire le dinamiche di potere. In questi giorni è diventato uno dei festival più sontuosi al mondo, un’impresa redditizia che genera oltre 100 milioni di euro ogni anno, attirando in città circa tre milioni di festaioli nel giro di quindici giorni. Durante i festeggiamenti Venezia diventa troppo affollata e troppo costosa per essere goduta. Il costume di carnevale, spogliato della sua originaria spontaneità e gioia, ha perso la sua originaria forza rivoluzionaria e ha acquisito un significato nuovo, cristallizzato.

Maschera del Carnevale di Venezia

Nel suo saggio Se Venezia muore, lo storico dell’arte Salvatore Settis si chiede cosa accadrebbe alla città se la sua anima fosse completamente devastata.

“Già negli anni ’80”, dice, “la gente aveva idee folli su Venezia. Alcuni hanno visto la trasformazione di Venezia in Disneyland come qualcosa che potesse segnare il passaggio a un modo di vivere più creativo, divertente, più felice”.

Sfortunatamente, questo processo è già in corso; infatti la mercificazione di Venezia è iniziata molto tempo fa…

Nel 1999 la famosa attrice italiana Sofia Loren partecipò all’inaugurazione di The Venetian a Las Vegas arrivando al centro commerciale a bordo di una gondola a motore. Se non fosse per il suono del motore, qualcuno di insolito, penseresti che questa fosse davvero Venezia.

Un’altra “piccola Venezia” è stata costruita in Asia: The Venetian Macao Resort. La Turchia ne ospita altri due: il Venezia Palace Deluxe Resort e il Viaport Venezia (Istanbul). Ci sono 24 Venezia solo negli Stati Uniti. L’elenco continua…

Completi di canali, gondole e gondolieri in cima a strisce, tutti questi siti replicano le caratteristiche più iconiche di Venezia e, di conseguenza, sembrano tutti molto simili. A Las Vegas puoi persino trovare una replica esatta (o quasi) del campanile della basilica di San Marco. Quello di Venezia, del resto, è solo una ricostruzione dell’originale, crollato nel 1902. Un sostituto identico fu eretto l’anno successivo.

Ogni sito ti offre un’esperienza autentica di una finta Venezia.

“La cosa più interessante della moltiplicazione delle finte Venezia è che appena si crea una finta Venezia, si attua una banalizzazione.

Viaport Venezia – Instambul

La complessità urbana di Venezia è incredibile e il numero di chiese, monumenti, palazzi che ospita è straordinario. All’interno di questo intricato tessuto urbano troviamo edifici risalenti al Medioevo, sia quelli abitati dai ricchi che quelli in cui vivevano i poveri. Entrambi hanno bisogno di coesistere nello stesso spazio perché se uno di loro dovesse scomparire, la complessità sarebbe perduta. Questo è ciò che manca all’emulatore Venices: la complessità. C’è sempre uno pseudo-campanile di San Marco, che è la cosa più facile da imitare. C’è spesso uno pseudo-Ponte di Rialto, a volte anche uno pseudo-Palazzo Ducale…”

Queste veneziane artificiali aiutano a mantenere viva la performance, mercificano la città. Queste repliche cancellano tutte le complessità, presentando al mondo la versione da cartolina di Venezia. Ma svolgono anche un ruolo nell’incrementare il valore della Venezia originale, creando così la sensazione che valga la pena pagare di più per la cosa reale.

Nel frattempo, la vera Venezia assomiglia sempre più alle sue repliche. Quello che era iniziato come un sogno negli anni ’80, sta lentamente diventando realtà. Piuttosto che Venezia ispirare le repliche, le repliche stesse stanno avendo un profondo impatto su Venezia.

“La segnaletica urbana invita le folle a seguire solo un numero limitato di percorsi per spostarsi. Sembra che ci sia un solo modo di vivere Venezia, quando in realtà ci sono tanti modi diversi. potremmo indirizzare il traffico pedonale urbano in altre zone […] per esempio, Venezia durante il famoso Carnevale, – che chissà se tornerà mai, e quando – se assisti alla sfilata, è impossibile anche solo andare in giro, perché è inevitabile spingere contro migliaia di altri corpi. Ma perché tutto il Carnevale deve essere contenuto all’interno di Piazza San Marco? Sono sicuro che nel 1700 il Carnevale fosse diffuso in tutta la città, che fosse un evento molto diverso. Durante il Carnevale… anche la vera Venezia diventa una finta Venezia…

Tradizioni di lunga data ora attirano un numero schiacciante di turisti. Ne sono esempi la “vogalonga”, regata remiera per dilettanti e professionisti, i fuochi d’artificio del Redentore e, naturalmente, il Carnevale. Ristoranti, caffè, hotel e negozi di souvenir hanno sostituito pescherie, fabbri e negozi di alimentari. Anche l’acqua alta, quando capita, riempie i visitatori di un misto di stupore e incanto, più che di genuina paura…

Essere visti e visitati dai turisti fa parte da secoli dell’identità di Venezia. Tuttavia, in questi giorni il numero di turisti al giorno è molto al di sopra del numero di abitanti, infatti è quasi il doppio. I veneziani sanno bene che il turismo ha contribuito a spopolare il centro di Venezia. Eppure, essendo una delle più grandi industrie di Venezia, l’opinione pubblica resta divisa.

Turisti a Venezia

Come chiarisce Salerno: “In una città monoindustriale non hai molte alternative, sei costretto a vivere dell’unica industria che c’è nella tua zona. Ovviamente non tutti lavorano nel turismo o nell’indotto, quindi c’è già una divisione importante, fonte di tensione tra chi vive di turismo e chi vede il proprio spazio vitale eroso dal turismo.”

Venezia ha ricevuto notevoli investimenti immobiliari globali rispetto ad altre città di dimensioni simili. Fiumi di capitale straniero sono stati profusi per accaparrarsi un gran numero di proprietà, che oggi vengono affittate ai turisti. Ma la situazione è ancora più complessa, perché questi flussi di investimenti hanno un effetto a catena sui proprietari di piccoli immobili. Andrea Segre, regista: “Se hai un appartamento di 60 metri quadrati, non è una decisione facile affittarlo a una persona del luogo per 600 euro al mese, quando potresti guadagnare 3-4mila euro se lo trasformi in un bed and breakfast. Se sceglierai la prima opzione sarà per le tue convinzioni politiche, o perché te lo puoi permettere, ma speri che questo sia sostenuto da un progetto politico condiviso e da leggi che lo incoraggiano. Ad esempio: la noleggi a un locale e non paghi tutte le tasse, oppure, non so, hai un posto barca gratis. Ma è chiaro che lasciare questo all’iniziativa privata non funziona, non è possibile. Quello che serve è la spinta politica”.

La città ha chiuso (letteralmente) le sue porte ai veneziani e le ha aperte al resto del mondo. Il collettivo OCIO, un gruppo di attivisti che lavorano per proteggere il diritto dei veneziani a un alloggio a prezzi accessibili, lamenta l’esodo dei locali dalla città. Pochi locali possono permettersi gli affitti gonfiati e, anche se potessero, nessuno vorrebbe affittare loro il proprio appartamento. In effetti, la maggior parte dei proprietari di immobili rifiuta categoricamente di affittare alla gente del posto – alcuni arrivano al punto di riagganciare il telefono quando sentono il dialetto veneziano dall’altra parte della linea – perché sanno che i turisti pagheranno cifre esorbitanti per rimanere in centro città. Di conseguenza, le famiglie veneziane faticano a trovare un posto dove vivere nella città storica. Gli studenti affrontano la stessa situazione e hanno anche difficoltà a trovare lavoro in qualsiasi settore oltre al turismo,

La pandemia ha regalato ai cittadini di Venezia una pausa dal turismo. Molti hanno accolto con favore questa opportunità per reclamare la loro città. Hanno anche visto questo come un’opportunità per fermarsi e pensare a “cosa verrà dopo”. Eppure la maggior parte dei proprietari sembra riluttante ad apportare modifiche al modello esistente. Sono rimasti fermi nella loro riluttanza ad affittare alla gente del posto mentre aspettano che il turismo torni ai livelli pre-pandemia.

Mentre i piccoli proprietari di immobili e negozianti nel centro della città sono stati duramente colpiti dalla pandemia come terreno di attività commerciale, i grandi gruppi alberghieri stanno prosperando, acquistando le isole della laguna e costruendo l’impero di Veniceland. L’ex ospedale balneare dell’isola del Lido, ad esempio, gioiello dal valore storico, è stato venduto al Club Med e sarà trasformato in un hotel di lusso.

L’impatto dell’industria turistica non è solo simbolico ed economico, è anche ambientale. Come ha dimostrato il concerto dei Pink Floyd, gli effetti della macchina dell’intrattenimento sulla città sono immensi.

Fantina Matricardo

Il danno è visibile sia sopra che sotto la superficie. Nel 2020 Fantina Madricardo, ricercatrice dell’Istituto nazionale di ricerca scienze marine, ha deciso di sfruttare al meglio l’assenza di traffico acqueo lagunare e vaporetto conseguente alla pandemia. Ha registrato i suoni subacquei nella laguna e li ha confrontati con la linea di base pre-pandemia. Il suo studio è ancora agli inizi. Tuttavia, potrebbe aiutare a introdurre limiti al rumore, impedendo così all’ecosistema lagunare di subire ulteriori danni indotti dal rumore.

Allo stesso modo, le immagini dei canali cristallini di Venezia e della vita marina che prospera di nuovo hanno fatto notizia durante la pandemia. Lo stop di centinaia di vaporetti e taxi d’acqua inquinanti che attraversano la laguna significava anche che i veneziani potevano bonificare i canali e uscire a remare. Una chiara illustrazione di quale differenza abbia una riduzione del turismo sull’ecosistema della città.

“Ho bisogno di una cartina”

“Non ti aiuterà. Questa è una città viva. Le cose cambiano.”

“Villanelle, le città non cambiano.”

“Ma sì Henri, è così… Le città dell’interno non stanno su nessuna cartina…”

Villanelle è la protagonista principale del romanzo “La passione di Jeanette Winterson”. È veneziana e figlia di un barcaiolo. Nasce con i piedi palmati che, secondo la leggenda, è un attributo tipicamente tramandato dai barcaioli veneziani ai loro figli. A causa di questo tratto, è più agile quando guida la barca sull’acqua. Donna di giorno, Villanelle si traveste di notte, quando lavora come croupier al Casinò vicino a Piazza San Marco. , donne e uomini flirtano con lei, incantati dalla sua misteriosa bellezza.

Per molti versi Villanelle è Venezia. Si muove comodamente tra diversi elementi, a suo agio sull’acqua e sulla terraferma. Indossa dei travestimenti e, cosa più importante, incanta tutti quelli che incontra. L’essenza stessa del suo fascino è che è molte cose contemporaneamente, che fiorisce in uno stato di fluidità. Villanelle non può essere incastrata e nemmeno Venezia… “In questa città incantata tutto sembra possibile. Il tempo si ferma. I cuori battono. Le leggi del mondo reale sono sospese. Dio siede sulle travi e si prende gioco del diavolo e il diavolo colpisce il nostro Signore con la sua coda. È sempre stato così. Dicono che i barcaioli abbiano i piedi palmati e il mendicante dice di aver visto un giovane camminare sull’acqua. Se dovessi lasciarmi, il mio cuore si trasformerà in acqua e si allagherà via…”.

Letture:

  1. https://www.thefifthsiren.com/
  2. Tommaso Gastaldi – Lo show del secolo – Free Media
  3. Salvatore Settis – Se Venezia muore – Einaudi
  4. Jeanette Winterson – Passione – Garzanti

Autore

Marco Magini

Arezzo, 1985. Si è laureato in Politica Economica Internazionale alla London School of Economics. È autore e imprenditore.
Il suo romanzo d’esordio, "Come fossi solo", è stato finalista al Premio Strega 2014 e menzione d’onore al Premio Calvino 2013, nonché tradotto in diversi paesi. È socio di South Pole, azienda leader mondiale nel campo della sostenibilità, e co-fondatore di FILL Festival (Festival of Italian Literature in London).

Paolo Nelli

Brianza, 1968. Ha pubblicato racconti e romanzi tra cui "Trattato di economia affettiva" e "Il terzo giorno". Insegna lingua e cultura italiana al King’s College London. È tra i fondatori e organizzatori del FILL Festival (Festival of Italian Literature in London).

Giorgia Tolfo

Marostica, 1984. È una ricercatrice indipendente, critica letteraria e traduttrice basata a Londra. Ha un dottorato in Letterature Comparate e Postcoloniali e lavora in British Library ad un progetto in Digital Humanities. È co-fondatrice di FILL Festival (Festival of Italian Literature in London) e attivista culturale.

Maddalena Vatti

Firenze. Ha studiato Lettere moderne presso l'Università di Bologna. Ha studiato Letteratura comparata presso la University College of London e letteratura presso la University of California a Berkeley. Scrive, traduce, produce eventi culturali e fonda rivista indipendenti. E’ co-editor & founder di Quaranzine Magazine e co-writer del podcast The Fifth Siren. Vive a Londra, dove collabora alla produzione e programmazione di FILL (Festival of Italian Literature in London).

Aggiungi Commento

Biografia

Marco Magini

Arezzo, 1985. Si è laureato in Politica Economica Internazionale alla London School of Economics. È autore e imprenditore.
Il suo romanzo d’esordio, "Come fossi solo", è stato finalista al Premio Strega 2014 e menzione d’onore al Premio Calvino 2013, nonché tradotto in diversi paesi. È socio di South Pole, azienda leader mondiale nel campo della sostenibilità, e co-fondatore di FILL Festival (Festival of Italian Literature in London).

Paolo Nelli

Brianza, 1968. Ha pubblicato racconti e romanzi tra cui "Trattato di economia affettiva" e "Il terzo giorno". Insegna lingua e cultura italiana al King’s College London. È tra i fondatori e organizzatori del FILL Festival (Festival of Italian Literature in London).

Giorgia Tolfo

Marostica, 1984. È una ricercatrice indipendente, critica letteraria e traduttrice basata a Londra. Ha un dottorato in Letterature Comparate e Postcoloniali e lavora in British Library ad un progetto in Digital Humanities. È co-fondatrice di FILL Festival (Festival of Italian Literature in London) e attivista culturale.

Maddalena Vatti

Firenze. Ha studiato Lettere moderne presso l'Università di Bologna. Ha studiato Letteratura comparata presso la University College of London e letteratura presso la University of California a Berkeley. Scrive, traduce, produce eventi culturali e fonda rivista indipendenti. E’ co-editor & founder di Quaranzine Magazine e co-writer del podcast The Fifth Siren. Vive a Londra, dove collabora alla produzione e programmazione di FILL (Festival of Italian Literature in London).