Il Talamo

I
Fuori dalla cronaca,
ché distrae e confonde

Talamo è sostantivo con vari significati. Il popolare “letto nuziale” e le sue derivazioni poetiche richiama, per esempio, l’idea di unione. Però questo termine è stato scelto con due precisi riferimenti analogici: in botanica, quale ricettacolo e ricettacolo nella sua accezione positiva come luogo di incontro; in anatomia quale struttura del sistema nervoso centrale.

Il talamo nel cervello, “rappresenta un centro intercalato sulle vie della sensibilità somatica, con funzioni di integrazione e arricchimento”, “attiva la corteccia encefalica” e ha “una funzione associativa tra aree corticali diverse”.

Questo sito nasce ad Arezzo per volontà di un gruppo di robusti lettori e vuole essere un contenitore di pensieri ed esposizioni, di competenze e idee, di conversazioni e confronti. E altro.

Le finalità principali sono tre, correlate: promuovere la Terza Cultura (la trattazione sul tema si rimanda alla lettura dei testi nel sito); farlo con il contributo di aretini noti e sconosciuti, residenti o no, che abbiano in comune il desiderio di confrontarsi con le grandi domande sul passato e sul futuro della cultura e della conoscenza planetaria e che siano ispirati dalla volontà di divulgazione con l’obbiettivo di colmare il più possibile il solco fra la conoscenza e la semplice istruzione (con la speranza che si aggiungano contributori da ogni parte del mondo); infine, preparare il terreno per un Festival della Terza Cultura da svolgersi ad Arezzo.

Fuori dalla cronaca, ché distrae e confonde.

Si rivolge a chi ama l’impegno nella lettura, interessato al sapere per comprendere.

Redazione